Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Il futuro saranno le fusioni. Roberto Petrucci spiega perché bisogna rinunciare ai “campanili”

Roberto Petrucci

“Qui non si tratta di scegliere tra situazione attuale e fusioni ma tra fusioni e unioni”. A dirlo è Roberto Petrucci, esperto di fusioni tra Comuni, che sembra avere le idee chiare: il futuro saranno le fusioni. Tanti, secondo Petrucci, i vantaggi che questo nuovo assetto, previsto dalla legge n. 56 del 2014 (legge Delrio), porterà. A partire da quelli economici che, a cascata, produrranno benefici per le popolazione. “Il Governo – spiega Petrucci – ha creato una situazione eccezionale che va sfruttata”.

Quali sono le principali differenze tra unioni e fusioni comunali? “Con le unioni i Comuni gestiscono i servizi in forma associata e sindaci e Consigli comunali restano in carica. Con le fusioni i Comuni vanno a formare uno nuovo ente con un sindaco e un Consiglio comunale unici. I Comuni che uniscono le funzioni mantengono i propri organi amministrativi e i propri bilanci, ma per migliorare i servizi mettono insieme la struttura tecnico amministrativa; quelli che si fondono hanno un unico organo amministrativo e un unico bilancio”.

Lei è un convinto sostenitore delle fusioni. Perché? “Le fusioni permettono di ridurre in modo significativo le spese di struttura, cioè quelle legate al funzionamento del Comune. In questo modo aumentano le risorse da destinare ai servizi, si riduce drasticamente la burocrazia e migliora la capacità amministrativa. Il nuovo Comune ha priorità negli investimenti regionali, meno adempimenti burocratici da sostenere e può coprire il 100% dei pensionamenti. Anche se irrilevanti dal punto di vista finanziario, con le fusioni si riducono le spese per assessori e consiglieri. Inoltre, con l'aumento della popolazione cresce il peso politico del nuovo Comune nella Provincia e nell'Ambito di appartenenza, si formano nuovi gruppi dirigenti politici e nuovi gruppi di direzione amministrativa. In sintesi: si ritorna ad amministrare”.

Esonero di dieci anni dal patto di stabilità e aumento delle risorse (il 40% dei trasferimenti del 2010) per dieci anni sono gli incentivi che il Governo mette a disposizione dei Comuni nati da fusioni. Non c'è il rischio che, soprattutto nei Comuni più piccoli, a decidere sia più il portafoglio che la ragione? “Bisogna partire dal presupposto che non esistono due fusioni uguali. In generale, i Comuni che nascono dalle fusioni sono demograficamente in crescita, in grado di attrarre nuove energie e capaci di rappresentare meglio il territorio sul quale insistono. Nelle Marche finora abbiamo due casi di fusioni di Comuni: Trecastelli nell'Anconetano (nato dalla fusione di Ripe, Castel Colonna e Monterado) e Vallefoglia nel Pesarese (nato dalla fusione di Colbordolo e Sant'Angelo in Lizzola). A questi, il prossimo anno si aggiungeranno le fusioni di Pievebovigliana e Fiordimonte, nel Maceratese, che daranno vita al Comune di Valfornace, e di Montemaggiore al Metauro, Saltara e Serrungarina, nel Pesarese, che si fonderanno nel Comune di Gransaltara”.

Se gli incentivi economici spingono verso le fusioni, a frenare molti amministratori è il timore di perdere la propria identità. “In alcune zone l'identità è molto importante. Le fusioni consentono di mantenere i municipi dei Comuni originari. In questo modo i nuovi Comuni diventerebbero simili a contee in cui l'identità è garantita dai municipi che decidono per la zona di competenza, con un consiglio elettivo con funzioni consultive e la possibilità di dare pareri vincolanti sulle questioni riguardanti il municipio. E’ un'opportunità da considerare con la dovuta attenzione, anche perché in quattro mesi (la procedura per le fusioni dei Comuni prevede, nell'ordine: deliberazione del Consiglio comunale, referendum e legge regionale, ndr) potrebbero cambiare le sorti di un territorio”.


Francesca Pasquali

Devi effettuare il login per inviare commenti

Lavoro

  • Cercasi Oss
    MoniSa MARCHE, agenzia di Servizi Socio Sanitari di Assistenza alla…
  • Parrucchiere/a
    Importante salone Hair Style di Civitanova Marche (MC), per ampliamento…
  • Operaio esperto
    Ditta operante in Civitanova Marche, zona industriale A, è alla…
  • Bagnini
    GLU Service S.r.l. ricerca un bagnino di salvataggio e/o bagnino…
  • Banconista pizzeria
    Cerco ragazza bella presenza per lavoro come banconista per pizza…

Eventi Oggi

  • Teatro e Danza
    Mamma mia!

    musiche e testi di Benny Andersson, Bjorn Ulvaleus e Stig Anderson. Libretto di Catherine Johnson. Regia di Massimo Romeo Piparo


    Ancona
    dal 19/10/2017 al 22/10/2017
  • Teatro e Danza
    Il Panariello che verrà

    di e con Giorgio Panariello


    Civitanova marche
    19 Oct 2017
  • Musica Leggera
    Una serata a Broadway

    Valentina Gullace Trio (Valentina Gullace: voce, Claudio Filippini: pianoforte, Luca Bulgarelli: contrabbasso)


    Tolentino
    19 Oct 2017
  • Teatro e Danza
    Mamma mia!

    musiche e testi di Benny Andersson, Bjorn Ulvaleus e Stig Anderson. Libretto di Catherine Johnson. Regia di Massimo Romeo Piparo


    Ancona
    19 Oct 2017
  • Teatro e Danza
    Il Panariello che verrà

    di e con Giorgio Panariello


    Civitanova marche
    19 Oct 2017
  • Musica Classica
    L'elisir d'amore di G. Donizetti

    anteprima giovani. Orchestra Filarmonica Marchigiana, direttore Francesco Ommassini, Coro "Mezio Agostini" del Teatro della Fortuna di Fano, regia di Saverio Marconi ripresa da Fabrizio Angelini. Stagione d'Opera 2017


    Fermo
    19 Oct 2017

Annunci

Vai all'inizio della pagina